loader image

Quadriennio Olimpico Milano-Cortina 2022-2026, ESNA SOA c’è!

È ufficialmente iniziato il quadriennio olimpico!

Il 21 febbraio 2022 è sbarcata all’aeroporto di Malpensa la bandiera olimpica che sancisce l’inizio del quadriennio olimpico dei Giochi Invernali Milano-Cortina 2026: il vessillo a cinque cerchi è stato accompagnato in Italia dalla delegazione di atleti di ritorno dalle Olimpiadi di Pechino.

Finalmente è arrivata la bandiera in Italia – dice sottosegretario Antonio Rossi – adesso bisogna essere concentrati sul risultato e andare avanti come gli atleti, per step e per obiettivi. Quattro anni sembrano lontani, ma per tutti è invece un traguardo assai vicino, lo è per gli atleti come per gli organizzatori e per tutti i soggetti attuatori. Dobbiamo dunque lavorare assieme e con entusiasmo, perché saranno migliaia le persone coinvolte e migliaia coloro che assisteranno all’evento”.

Il 22 novembre 2021 è stata costituita presso il Ministero delle Infrastrutture la società “Infrastrutture Milano Cortina 2020-2026 S.p.a.”: la società, incaricata di realizzare più della metà degli interventi infrastrutturali collegati ai giochi invernali, ha segnato l’ingresso nella fase operativa del progetto olimpico. Una partita che, nel suo complesso, vale più di 10 miliardi di opere ed avrà ricadute rilevanti sull’occupazione e sul Pil.

ESNA SOA e tutti i suoi collaboratori sono pronti a supportare le Imprese che ambiscono agli appalti dedicati alla realizzazione delle opere destinate alle Olimpiadi invernali Milano-Cortina 2026: con le proprie sedi dislocate strategicamente tra Milano, Trento, Bolzano e da poco anche Cortina, ESNA SOA può dare ogni utile supporto ai fini dell’ottenimento dell’Attestazione SOA ed alle relative attività propedeutiche.

Non esitate, contattateci!   

Ultimi articoli ed eventi

Tags

Potrebbero interessarti anche questi articoli

Notizie In Evidenza

Superbonus e attestazione SOA: ecco alcune FAQ

Giungono alla nostra Società svariate domande relative alla normativa introdotta con l’art. 10/bis della legge 51/2022 che prevede che i lavori privati che godono di